A Quarto il progetto “il sole in classe”

“Il sole in classe” è il progetto educativo ideato dall’associazione no profit Anter presentato giovedì pomeriggio presso il teatro della Chiesa Gesù Divino Maestro. Varato nel 2013 questo “percorso ludico didattico basato sul gioco e sulla semplicità dei contenuti formativi” finalizzati alla salvaguardia del nostro habitat è rivolto ai bambini delle scuole elementari e medie. Esposto in numerosi istituti italiani è stato illustrato ad un’ampia delegazione di iscritti ai corsi del catechismo della Parrocchia di via Marmolito che, da sempre è sensibile alle tematiche ambientali, come dimostrato con l’installazione di pannelli fotovoltaici. “Ci consentono di risparmiare energia e di ridurre la nostra incidenza sull’inquinamento atmosferico – sottolinea don Genny GuardascioneDio ci ha dato il mondo che noi dobbiamo custodire”. Ognuno può fare la sua parte seguendo semplici regole come quelle elencate nel gioco “Il mondo che vorrei” in cui i piccoli hanno diviso le abitudini in grey (nel senso di cattive) e green (buone) nell’ottica della tutela dell’ambiente. E’ stato un passaggio molto interattivo con i relatori Simone Calvanese, Giuseppe Andolfi e Vittorio De Rosa che hanno verificato la competenza di questi bambini che, su certi argomenti, sono più preparati dei coetenei del passato. Insieme hanno visionato un cartone animato (già proiettato nella scuola Lorenzo Milani di via Kennedy) in cui un medico spiega come poter curare l’ambiente “dai danni commessi con alcuni comportamenti”. Il dottore evidenzia che sono possibili azioni che non peggiorano la qualità della vita, ma tutelano il pianeta e l’atmosfera. Atti da imparare e tramandare per essere protagonisti di un sano cambiamento. Un futuro che deve essere basato anche sulle energie rinnovabili (eolica, solare, geotermica). Sensibilizzare su questi argomenti è importante per il domani di tutti. L’Alter riproporrà la lezione in questo teatro, ma si augura di farlo anche nelle scuole di Quarto che si mostreranno sensibili al tema.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti