L’Alfaterna passa al Giarrusso

Sconfitta interna per il Quartograd. Allo stadio Giarrusso l’Alfaterna si impone 2 – 4. In un pomeriggio ventoso al comunale di Quarto si sono sfidate due compagini che erano reduci da periodi, calcisticamente parlando, differenti e, in più, hanno obiettivi opposti: la squadra di Capuano viene da risultati deludenti, l’ultimo in ordine di tempo il 3-1 contro la Vis Afragolese che li condanna ad una zona di medio-bassa classifica; l’Alfaterna, invece viene dalla vittoria per 1-0 contro il Barano e adesso è a +8 dalla Rin. Sangiovannese, quarta in classifica. Orfano del gioiello G. Capuano (13 gol in questo campionato) per infortunio, Pasquale Capuano deve affidarsi alla velocità di Vacca, alla tecnica e alla classe di Maradona e a Rizzo come punta di riferimento. La partita è statica, a tratti molto noiosa, il vento la fa da padrone dando traiettorie strane al pallone. Le formazioni, quindi, puntano su palle basse e all’estro dei giocatori più bravi, i locali puntano su Maradona. Il numero 10 si muove bene e prima colpisce un palo calciando rasoterra dal vertice destro dell’area spiazzando il portiere avversario Caso, poi al 17° con un tacco a volo imbecca Vacca che si avvia verso la porta, ma trova sulla sua strada un difensore, il pallone rimbalzando arriva a Rizzo che a tu per tu batte Caso per l’1-0. La gara non pare accendersi, anzi, il pareggio degli ospiti pare quasi casuale: Rapolo crossa dal fondo per Cirillo che la tocca di punta prima di Liccardo che non può nulla (25°). Dopo una grande parata di Liccardo per Ammendola al 41° i viaggianti passano in vantaggio con una grande azione di D’amato che scambia al limite dell’area con un compagno arrivando avanti al portiere e battendolo. Il secondo tempo non è diverso dal primo. Gli uomini di Capuano non costruiscono e subiscono i rivali che colpiscono subito un palo approfittando di una difesa immobile. All’ora di gioco arriva l’1-3: Rapolo corre per tutto il campo palla a piede, crossa dalla sinistra per Cirillo che rimasto senza marcatura può appoggiarla in rete. Girandola di cambi per entrambi gli allenatori con, tra gli altri, Biscardi a prendere il posto di Maradona, migliore dei suoi. I blaugrana cercano di reagire ma né Nasti, né il neo entrato Biscardi riescono a segnare. Dal possibile secondo gol dei rosso-blu arriva al 76°, invece, il poker degli uomini di Prisco Sellitti ad opera di D’amato sugli svolgimenti di un corner. L’incontro finisce con il rigore concesso dall’arbitro Orlando Tortoriello della sezione di Salerno conquistato e segnato da Biscardi. Mentre l’Alfaterna consolida la sua posizione in classifica, il Quartograd, con la nona sconfitta stagionale, scivola all’undicesimo posto per mezzo della contemporanea vittoria casalinga dell’Oratorio Don Guanella contro il Mons Prochyta.

ASD QUARTOGRAD: Liccardo, Cerqua, Dente, Sivero (49’ De Biase), Cotena (C), De Vivo, Vacca, Maddaluno, Rizzo, Maradona (63’ Biscardi), Nasti.

ALFATERNA: Caso, Salierno, Bottiglieri, Pascale, Franza (C) , Arnese, Rapolo (63’ Peluso), Ammendola, Cirillo (69’ Ilardi), D’amato (79’ Grillo), Cascella.
Arbitro: Sig. Orlando Tortoriello di Salerno
Marcatori: 17’ Rizzo (Q) 25’ Cirillo (A) 41’ D’amato (A) 60’ Cirillo (A) 76’ D’amato (A) 90’ Biscardi (Q)
Ammoniti: Maradona, Rizzo (Q) Pascale, Cascella (A)





Commenti