Avviso pubblico per la consulta delle donne

La composizione, le modalità di costituzione, gli organi, l’assemblea, il comitato esecutivo sono tutte figure previste per la realizzazione della consulta delle donne. Tutte le donne che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, che risiedono sul nostro territorio o svolgono un’attività lavorativa sullo stesso, hanno i requisiti richiesti per far parte della consulta delle donne. Ai sensi dell’articolo 3 del Regolamento per il funzionamento degli organismi previsti dallo Statuto del Comune di Quarto non possono essere nominati componenti delle Consulte:  i consiglieri comunali in carica; i componenti la Giunta comunale; i dipendenti comunali; i dipendenti e/o gli organi di Enti o Società sottoposti a controllo o vigilanza del Comune di Quarto;  i parenti e/o affini entro il 2° grado dei soggetti di cui ai punti precedenti. Le domande di adesione dovranno essere consegnate a mano o spedite a mezzo posta al Protocollo generale del Comune di Quarto, sito in via Enrico De Nicola n.8 o inviate tramite pec all’indirizzo: protocollogenerale@pec.comune.quarto.na.it entro le ore 12.00 del 24 luglio 2017. Il modulo di domanda è scaricabile dal sito istituzionale www.comune.quarto.na.it oppure ritirate a mano presso gli stessi uffici di via De Nicola. “La consulta delle donne sarà un organo fondamentale nella collaborazione e nella elaborazione delle politiche riguardanti sia la condizione femminile sia la promozione delle pari opportunità – dichiara il sindaco Rosa Capuozzola presenza della donna nella nostra società e nella vita politica dovrà anche essere un ostacolo per coloro i quali ancora vedono la donna come un soggetto debole. Così facendo avremo un occhio più vigile sul territorio a tutela anche delle tante donne che sono oggetto di maltrattamenti e di discriminazione, ed in più avremo un organo che collaborerà con l’amministrazione al fine di portare proposte volte alla realizzazione delle condizioni di diritto per le pari opportunità”. “Passo dopo passo insieme a tutta la giunta stiamo cercando, di coinvolgere il più possibile la cittadinanza alla vita politica di questa città. -Esprime l’assessore alle consulte Mauro ScarpittiLa consulta delle donne insieme a quella dei giovani, quella della legalità, consulta tutela ambiente, che ben presto con un avviso pubblico annunceremo, saranno uno strumento fondamentale per la democrazia partecipata e doneranno un contributo fondamentale alla buona riuscita del vivere civile nella nostra comunità”. Ufficio Comunicazione sindaco di Quarto Rosa Capuozzo – Flavio Boldrini

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

Iniziativa interessante il cui iter era stato avviato nel lontanissimo novembre 2015 (oltre 18 mesi fa) in occasione di un apposito incontro pubblico tenutosi nell’aula consiliare “Peppino Impastato” a cui parteciparono pochi residenti (in prevalenza uomini o esponenti di associazioni già attive nel settore e sul territorio).  Poche le richieste d’adesione all’allora consigliere comunale Lucia Imperatore che fu promotrice di questo percorso che riteniamo che, per vari motivi, difficilmente decollerà (come altre consulte). Sono organi collegiali, consultivi, rilevanti, ma che hanno scarso appeal sulla collettività locale che predilige le associazioni indipendenti. Di seguito riportiamo l’articolo relativo a quell’incontro pubblico.

Verso la consulta delle donne





Commenti