PIAZZALE EUROPA 22

A Quarto “un’amministrazione bizzarra”

La Cisl Quarto torna a far sentire la sua voce. “Da cittadino e da responsabile” Alfonso Coppola evidenzia “una serie di anomalie “bizzarre” che accadono nel nostro territorio” e “all’interno di quest’Amministrazione”.

Inizia dai “signori consiglieri che, nelle sedute di consiglio entrano ed escono dalla sala, dopo primo appello nominale, per poi autodefinirsi impossibilitati di proseguire i lavori. Aldilà se” ricevano “il gettone di presenza ci dicano perché non partecipano ai lavori! I cittadini hanno dato anche a loro il mandato di gestione della città!”

Sottolinea che “è lecito dissentire e mettersi in opposizione, ma che sia costruttiva e con atti e progetti che siano utili” per la collettività. “Il lamentarsi è dei cittadini non di chi è stato deputato ad amministrare”.

Prosegue con una considerazione generale “Se realmente si vuole il bene della cittadinanza, l’Amministrazione tutta, riparta dalla questione Sanità, Trasporti, Pulizia aree e marciapiedi dalle erbacce, quest’ultime mire di piromani che potrebbero causare ulteriori danni ai cittadini”.

Focus, poi, su specifiche tematiche.

Sanità. “Tante belle parole, ma nei fatti nulla è mutato nel nostro distretto sanitario, anzi peggiora. Se si pensa che per le analisi di laboratorio le prossime prenotazioni sono a settembre. Per non dire degli ambulatori sempre con meno discipline ambulatoriali e con scarso personale dovuto anche a pensionamenti. Qualcuno dei consiglieri o assessore se ne sta occupando?

Trasporti. “Dopo aver tanto lottato per avere di nuovo” quelli “urbani e l’apertura dei lavori per il secondo binario, non si hanno più notizie” di quelli “extraurbani. Qualcuno dei consiglieri o assessore se ne sta occupando?”.

Decoro urbano. “Il taglio dei rami secchi sugli alberi, la pulizia delle aiuole, la pulizia dei marciapiedi, qualcuno se ne sta occupando? Pare che manchi chi lo possa fare ? E allora? Aspettiamo di nuovo le piogge o gli incendi per fare pulizia?

Chiosa legata all’opposizione esterna. “Nella nostra città purtroppo non esiste nemmeno una spinta” da “chi oggi non è al Governo della città. Qualche sporadico manifesto, più per distinguersi che per dare un forte contributo per il bene cittadino.

E’ vero siamo in estate, tutti pensano ad andare a refrigerarsi in acqua, ma i problemi restano e per i cittadini che pagano le onerose tasse sicuramente non ritroveranno una città vivibile al loro ritorno dal mare”.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 





Commenti