Occhiobello conferma adesione a Pa Social

Occhiobello conferma l’adesione per il secondo anno a Pa Social, la prima associazione italiana nata per una nuova comunicazione pubblica qualificata, orientata alle competenze nell’uso del digitale e alla giusta valorizzazione delle figure professionali.

Grazie a Pa Social abbiamo partecipato a corsi di formazione in cui esperti di comunicazione e pubbliche amministrazioni si sono confrontati su prassi e strategie – spiega il vicesindaco Davide Diegoli -, crediamo nell’innovazione che si mette al servizio dell’informazione, ma anche nella professionalità di chi svolge determinati ruoli. Ogni giorno cerchiamo di raccontare la nostra amministrazione con trasparenza, crediamo nella comunicazione a due vie e nello scambio col cittadino che deve essere messo nelle condizioni di parlare con l’ente, trovare ascolto e potere attingere a più piattaforme per informarsi”.

Pa social e Istituto Piepoli hanno dato vita all’Osservatorio sulla comunicazione digitale che ha realizzato diversi studi e ricerche, tra cui anche una relativa a come gli italiani si aspettano di essere informati per quel che riguarda la pubblica amministrazione. Il risultato della ricerca ha rivelato che il 64% si aspetta di essere informato dalla televisione, 47% da internet, 39% dai giornali, 3% da manifesti, 1% da altro e il 3% non sa.

Il Comune di Occhiobello, tramite il vicesindaco Diegoli e l’ufficio stampa, ha partecipato a diversi corsi di formazione, al Pa Social Day e alla giornata degli Stati generali promossi a livello nazionale dall’associazione Pa Social.





Commenti