Occhiobello, 25 persone hanno scritto il testamento biologico

Dopo l’entrata in vigore della legge sul testamento biologico (Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento 219/2017), alcuni cittadini si sono rivolti in municipio per essere inseriti nel registro delle dichiarazioni anticipate di trattamenti sanitari (Dat).

Sono state venticinque le persone che hanno depositato all’ufficio di stato civile le proprie dichiarazioni, cioè il testamento biologico, che sono state quindi registrate.

Il Comune di Occhiobello ha adottato, già nel 2015, un regolamento sul testamento biologico grazie al quale è possibile consegnare in busta chiusa all’ufficiale di stato civile un documento scritto contenente la manifestazione di una persona che, capace di intendere e volere, indichi in anticipo i trattamenti medici cui essere/non essere sottoposta nel caso si trovasse nella condizione di incapacità.

Nel testamento biologico, la persona può descrivere le sue volontà anche per quanto riguarda il fine vita, la donazione degli organi, le funzioni religiose e il rito funerario, la cremazione o la tumulazione del proprio corpo. Chi intende iscriversi al registro, indicherà anche un fiduciario, a garanzia che le volontà della persona siano rispettate.

Per consultare il regolamento:

http://www.comune.occhiobello.ro.it/media/regolamenti/servizi%20demografici/Regolamento_dichiarazioni_trattamenti_sanitari_-_testamento_biologico.pdf

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti