La nostra storia

Risonanze Mediatiche sbarcò online alle ore 10 del 21 agosto 2013, ma la pianificazione era iniziata a giugno quando Andrea Di Natale decise di lasciare il blog voce flegrea non condividendo più le modalità operative.

Tutto fu pensato nei minimi dettagli a cominciare dal nome particolare, inusuale, che a molti ricorda la tecnica medica di “imaging biomedico”. Non dovendo avere alcuna identificazione territoriale definita furono scartate le parole “Quarto”, “Pozzuoli”, “Bacoli”, “Monte di Procida”, Campi Flegrei, Provincia. A priori furono eliminati anche i vocaboli contenuti nelle realtà editoriali esistenti o chiusi. Una scelta dettata dal rispetto verso coloro che avevano già intrapreso questo percorso. Questa era una sfida con me stesso, non con loro. L’intuizione giusta venne a mia sorella: Risonanza che in senso figurato significa “cosa che suscita discussioni, commenti nel pubblico”. Questo era ed è il nostro intento. Il termine fu reso al plurale perché gli argomenti controversi, su cui dibattere dovevano essere numerosi. Naturale, conseguenziale fu la definizione dello slogan “Le notizie che fanno parlare”.

Sono state molte sin dal principio quando la “squadra” era composta da sole tre persone. Con il passare delle settimane aumentarono gli informatori e soprattutto, sensibilmente, le visite. Il portale era sempre più conosciuto, apprezzato, stimato. Nel giugno 2014 seri problemi tecnici ne misero a rischio la sopravvivenza. L’incontro con l’agenzia Luminelli evitò la fine ed avviò un bel rilancio con una veste grafica nuova, moderna, più allegra e curata. Anche i contenuti furono riorganizzati con “capitoli” e “paragrafi” più specifici, facilmente individuabili dai lettori che sono, sempre, il primo esaminatore del lavoro di una testata. Poi vennero le polo invernali, le tshirt estive, i cappellini, i pass, le sinergie con diversi eventi (ricordati nella sezione Mediapartner di Approfondimenti), la sponsorizzazione delle maglie dell’associazione di volontariato La Fenice.

Lo scorso autunno è stato salito un altro gradino di questa scala: l’accordo con Iniziative Editoriali di Stefania Maglione e la fusione con il mensile cartaceo Quarto Magazine. In questo modo il paese sarà raccontato in maniera più dettagliata, continua. Immutata la passione, la cura, l’attenzione anche per altri territori. “Insieme per crescere ancora” è lo slogan di questo nuovo progetto cui hanno aderito altri collaboratori.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.