ari papa 22

Un sabato di “ordinaria amicizia” tra tutti i radioamatori

ESCLUSIVA RM. Un grande evento come la Visita Pastorale di Papa Francesco ha richiesto un ingente dispiegamento di mezzi ed uomini da parte della Prefettura e del Comune che hanno curato tutto nei minimi particolari, per garantire la sicurezza e non sfigurare al cospetto di un capo di stato estero (qual è il Pontefice) e della Gendarmeria Vaticana. In fase di pianificazione, la dottoressa Gerarda Maria Pantalone ha chiesto anche ai membri dell’Associazione Italiana Radioamatori – Radio Emergenza Pozzuoli di essere gli occhi della Prefettura sul vasto territorio interessato da quest’avvenimento. Un onore ed un onere per gli uomini e le donne coordinati della Sezione ARI di Pozzuoli coordinati da IK8MRA  Giovanni Leone che, insieme ai dirigenti delle altre associazioni di telecomunicazione (European Radio Amateur della sezione di Capua) e di Protezione Civile (Le Aquile), attivate, ha partecipato a diversi vertici per definire tutte le postazioni, i compiti ed il coordinamento radio così da adempiere perfettamente alle funzioni richieste. “Tutto ha funzionato alla perfezione, senza sbavature e problemi tecnici – afferma Leone (un veterano della radioassistenza. Nel 2013 la Presidenza del Consiglio dei Ministri gli ha conferito una benemerenza per l’impegno profuso a Sarno, L’Aquila, San Giuliano di Puglia) – E’ stata una giornata veramente speciale, un dì decisamente di “ordinaria amicizia” tra tutti i radioamatori convenuti su questo evento difficile e rischioso. Essere ben 12 ore on the road ha messo tutti a dura prova, soprattutto quei radioamatori “appiedati” che non hanno avuto neanche il conforto di un mezzo (sei quelli impiegati) proprio nelle vicinanze”. Il sabato di 20 operatori è, infatti, iniziato alle prime luci dell’alba. Alle 5.30, massimo le 6, erano nei punti assegnati dove sono state montate stazioni campali (Scampia) o in portatili così da coprire tutto il percorso, tutte coordinate e controllate dalla stazione radio presente nella Sala Operativa della Prefettura di Napoli operata da Paolo di Salvo IW8DQY e Vittorio Borriello IK8PXV. Le “tappe” clou sono state quella in piazza del Plebiscito ed alla Rotonda Diaz dove il Santo Padre ha incontrato i giovani partenopei. A 20 metri dal palco c’era Leone che sottolinea la perfezione della macchina organizzativa. “Complimenti all’amministrazione comunale. Tutto si è svolto nei tempi prestabiliti o con lievissimi ritardi che sono fisiologici. Ogni varco era inaccessibile ed i controlli sono stati attenti e minuziosi. Hanno giustamente interessato anche noi che abbiamo dato il nostro apporto. Un’incognita era rappresentata dalla durata della manifestazione. Solitamente siamo impegnati per meno ore, ma il test è stato superato a pieni voti. Un ottimo risultato per le nostre capacità umane, logistiche e tecniche”. I volontari hanno operato sulle frequenze abituali e su quelle de Le Aquile, con apparecchi di loro proprietà e gratuitamente, senza percepire nulla, neanche i normali rimborsi dati in alcune circostanze. Hanno, inoltre, personalmente sostenuto alcune spese d’esercizio. A “muoverli” la passione, la voglia di essere utili per la collettività nelle occasioni in cui è necessario. Un impegno basato sulle competenze di operatori che fanno parte di una realtà esperta, specializzata. Al loro interno c’è una cellula altamente qualificata composta dal Top Radio Team che è una “punta di diamante” comprendente medici di fama internazionale, agenti di Polizia, professionisti in altri ambiti lavorativi. “Sarebbe doveroso ringraziare nominalmente quanti si sono impegnati con sacrificio e passione – conclude – Una giornata che ha visto insieme diverse associazioni in team senza distinzione e competizione alcuna, segno tangibile che quando a chi organizza viene riconosciuta capacità sul campo, tutti , ma proprio tutti, possono scegliere anche di essere gregari, consapevoli di essere importanti e fondamentali per la riuscita del servizio. Mi sento di ringraziare allora, tutti i gruppi che hanno partecipato almeno del settore della comunicazione”. Un plauso è stato rivolto loro ed alle altre associazioni dal sindaco De Magistriis nell’incontro odierno tenutosi presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 





Commenti