AIAS 52 bis

La disabilità va vissuta in maniera diversa

“La disabilità va vissuta in maniera diversa” è la filosofia che guida, da sempre, la sezione di Quarto dell’AIAS che ha varato uno sportello di supporto alle famiglie che hanno componenti con diverse abilità. “Spesso è male interpretata, ancora vista come un limite, qualcosa che non porta vantaggi – afferma il presidente Maria Grazia CampaPer noi, invece, è un valore aggiunto che va inserito in un percorso di crescita e di vita. I ragazzi sono i nostri insegnanti perché nella società siamo tutti diversi, da scoprire, affiancare. Gli operatori hanno conoscenze teoriche, ma queste non bastano: bisogna conoscere il vissuto delle persone, le emozioni che provano, confrontarsi con loro e con le famiglie. Noi lo abbiamo sempre fatto ed abbiamo avvertito l’utilità di creare qualcosa di più strutturato e diventare maggiormente un riferimento per i genitori che spesso si sentono soli”. Ci sono frangenti in cui occorre un aiuto informativo oltre che pratico. Avere un individuo che spiega le procedure per eseguire determinate prenotazioni mediche, procedure burocratiche, ottenere il rispetto dei propri diritti, usufruire di alcuni servizi. Lo sportello Empaty mira a fornire anche questo contributo. “Oggi tutto ruota intorno ai genitori che hanno un ruolo fondamentale e complicato – afferma la psicoterapeuta Alessandra LegittimoLo è ancor di più quando hai un diversamente abile la cui cura quotidiana coinvolge il padre, la madre, ma anche fratelli e sorelle. E’ importante offrire loro momenti di ascolto, di confronto. Insieme possiamo pianificare modalità di gestione comuni per il ragazzo. Strategie pensate per il caso specifico e sempre finalizzate al benessere, alla crescita, all’autonomia del soggetto che deve sempre poter esprimere le proprie emozioni, scoprirne altre, fare, sperimentare, mettersi alla prova”. Di esperienze ne fanno tante i ragazzi dell’AIAS che, in queste settimane, stanno seguendo un percorso che li porterà a “guidare” delle barche a vela. Parallelamente seguono anche laboratori musicali, creativi. Molteplici modi per renderli protagonisti del mondo, consentirgli di dare il proprio prezioso contributo e vivere la loro condizione in maniera nuova

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti