Quarto, come e dove si vota

Il tempo delle parole sta per finire. Alle ore 24 di domani (venerdì) terminerà la campagna elettorale ed inizierà la giornata del silenzio: il tempo per le persone per ragionare, riflettere su chi votare domenica tra le ore 7 e le 23. Quest’anno, infatti, è prevista una sola sessione (senza la coda del lunedì). Tra i 1067 comuni che rinnoveranno le proprie cariche, c’è Quarto (esattamente 3 anni dopo l’ultima volta) dove i seggi saranno distribuiti in queste scuole: De Curtis (via Brindisi) 32 e 33; Azzurra (via Primo Maggio) da 1 a 6 e 34; Borsellino (via Crocillo) da 12 a 16, Don Milani (via Kennedy) da 7 a 11, Falcone (via Campana) da 27 a 31, Gobetti (Corso Italia) da 17 a 26 (la De Filippo sarà chiusa, ma per disinfestazione).

Per facilitare il raggiungimento dei plessi da parte dei diversamente abili, il comune ha istituito un servizio di trasporto attivo dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 20. Per ulteriori informazioni contattare le assistenti sociali allo 081 8069216 – 081 8069283

Giunti in loco i cittadini dovranno mostrare la carta d’identità e la tessera elettorale e riceveranno la scheda azzurra sulla quale sono riportati i loghi ed i nomi dei candidati sindaco (Giovanni Santoro con “Uniti per Quarto”, Gabriele Di Criscio con “Insieme per Quarto” e “Forza Gabriele”; Rosa Capuozzo con “Movimento 5 Stelle”; Luigi Rossi con “Protagonismo Sociale) ed in un’altra colonna i loghi delle liste ed i righi per scrivere i nomi dei consiglieri prescelti. La grande novità di questa tornata è che si possono votare 2 soggetti, ma di sesso diverso altrimenti il secondo nome è annullato. Ecco le soluzioni consentite

  1. un segno solo sul simbolo di una lista, assegnando in tal modo la propria preferenza alla stessa e al candidato Sindaco da quest’ultima appoggiato;
  2. un segno solo sul nome del Sindaco, votando così solo per lui e non per la lista o le liste collegate
  3. un segno sul simbolo di una lista (eventualmente indicando 2 candidati consiglieri) e 1 sul segno o sul nome di un candidato Sindaco non collegato a quella lista (il cosiddetto voto disgiunto).

Coloro che sono oggettivamente (certificazione medica) impossibilitati a recarsi ai seggi possono scaricare dal sito del comune il modulo per la richiesta di voto domiciliare.

A partire dalle ore 14 di lunedì inizierà lo spoglio dei voti.

Al primo turno sarà eletto sindaco il candidato che avrà ottenuto la maggioranza assoluta (almeno il 50% +1) dei voti validi. Nel caso nessuno raggiunga tale quota, domenica 14, si effettuerà il ballottaggio tra i due che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze.

Più particolari i criteri per determinare la composizione del Consiglio dato che si considerano i risultati del primo turno e gli eventuali apparentamenti nel secondo. Se la lista o le liste collegate al Sindaco eletto, hanno ottenuto almeno il 40% dei voti, otterranno automaticamente il 60% dei seggi (quindi 14 su 24).
I seggi restanti saranno divisi tra le altre liste proporzionalmente alle preferenze ottenute.

Per avere diritto ad un seggio, la lista deve aver ottenuto almeno il 4% dei voti

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 

 





Commenti