VIRTUS SQ - VIRTUS BAIA 11

Calza indigesta per la Virtus Social Quarto

Non è sicuramente il miglior ritorno in campo post sosta natalizia per la Virtus Social Santa Maria Quarto che incappa in una sconfitta interna (1–2) contro la Virtus Marano, nella partita che vale la settima giornata del girone B di Terza Categoria. La squadra di mister Di Matteo, con assenze importanti, fatica sin da subito a trovare gli spazi anche per le giocate più semplici. Ricorre solo alle azioni dei singoli, ma spesso finiscono anch’esse sul nascere. Colpa del campo pesante, ma non solo: la formazione allenata da mister Morra gioca bene, è messa bene in campo e chiude ogni via d’accesso al team di casa, di suo anche troppo sulle gambe e distratto in occasione di entrambe le reti avversarie. Primo tempo scialbo, le due compagini non trovano gioco e spesso si affidano a lanci lunghi o azioni individuali che non portano ad un niente di fatto. Sono rare le sortite offensive e sono tutte degli ospiti. Al 15° si vede il primo tiro in porta: Castaldi recupera un pallone in zona offensiva, lo offre a Gaeta che di destro impegna capitan Iengo che mette in angolo. È Castaldi il più ispirato, lo si può notare anche alla mezzora quando di sinistro tira a lato rispetto al palo. L’occasione più ghiotta avviene al 39°, sempre di marca Marano: lungo lancio sulla sinistra per Rubino che crossa per Mauriello, controllo in area del numero 9 in mezzo a due difensori e tiro parato con i piedi da Iengo. Sembra che la squadra che gioca in maglia blu sia alle strette, ma è proprio nel suo momento di maggior pressione che passa in vantaggio: è proprio sul contropiede che segue l’azione degli ospiti che Borrelli controlla un pallone difficile sull’estremità destra dell’area ospite, Cozzolino è in difficoltà e lo atterra. L’arbitro, Lorenzo Iorio di Torre Annunziata, concede il rigore e ammonisce il difensore (la prima di 6 ammonizioni). Sul dischetto va Improta che insacca. Il secondo tempo si apre con una sostituzione per gli ospiti: esce Castaldi per far posto a Gianluca Coppola. È la mossa, che in pratica, cambia la partita: è il 47° quando un lancio lungo dalla destra, leggermente prima della linea di centrocampo, scavalca la difesa e concede a Coppola di controllare liberamente in area e battere il portiere. Girandola di cambi per la Virtus, ma a passare in vantaggio è il Marano: Maddalena controlla fuori area e la passa al volo per Castaldi che da solo può controllare e battere per la seconda volta Iengo. La partita, dopo questo gol, concede ai pochi presenti sugli spalti, solo l’espulsione per doppia ammonizione per Cozzolino e un piccolo parapiglia che segue, con annessa ammonizione per capitan Ruggiero. Calza indigesta per gli uomini di casa ma non è successo niente di grave, il campionato è ancora molto lungo e la classifica resta buona.





Commenti