foto editoriale

Un passo indietro per alcuni avanti

Scusa è una parola assente nel vocabolario di molte persone. Pur di non pronunciarla si nega anche l’evidenza e spesso ciò peggiora la situazione. Il sottoscritto è diverso, ha sempre avuto una condotta chiara, lineare, onesta con tutti ed anche in quest’occasione non cambia la sua “filosofia” di vita e, soprattutto, professionale. Per tanto chiedo pubblicamente scusa ai lettori per quanto successo.

Risonanze Mediatiche ha avuto un black out non dipendente dalla mia volontà ed ancor meno di Iniziative Editoriali che mi è stata vicina rinnovandomi la propria totale fiducia. Dalla mattinata di venerdì 8 gennaio sino alle ore 21 del 15 dello stesso mese, il sito è stato offline per problemi tecnici (derivanti da un inaspettato aggiornamento del server) che, più volte sembravano risolti, ma puntualmente non lo erano. Le ore sono trascorse attendendo il segnale giusto. Nel frattempo numerosi fatti sono accaduti, soprattutto politici ed a Quarto. Li ho osservati ed approfonditi (leggendo gli articoli altrui), ma non raccontati perché privo del “mezzo” per farlo. Essere sul posto, davanti al Municipio, ma non scrivere nulla era, secondo me, scorretto nei confronti del sindaco, degli assessori, dei consiglieri, degli avvocati, delle forze dell’ordine e dei colleghi. Il rispetto è fondamentale, superiore ad ogni possibile diversità di opinione. Resta la grande amarezza per non aver potuto dare il mio contributo in questa fase calda, intensa, particolare per la città in cui opero, instancabilmente, dal gennaio 2012. Le dimissioni del sindaco sono state altro duro colpo per il paese che prova, lentamente, a tornare nella sua dimensione abituale.

Nel frattempo, privo di due loghi e delle foto agli ultimi articoli, il portale è tornato online, ma ho preferito sottoporlo ad un ulteriore screening per evitare spiacevoli sorprese future ed ulteriori danni all’immagine professionale mia e di Iniziative Editoriali. Parallelamente abbiamo pensato alcune ulteriori novità di forma e di sostanza (certe già in cantiere) finalizzate ad essere sempre più vicini ai lettori che sono il nostro unico giudice.

La squadra si è ampliata con l’ingresso di Francesco Ferrigno, Vincenza Marra e Marco Cirillo, giovani motivati a vivere quest’esperienza di racconto dei territori, di incentivo alla riflessione, alla discussione. Insieme per crescere ancora non trascurando mai il nostro passato che è rimembrato nello specifico capitolo sulla home page, nella sezione Quarto Magazine sono e saranno caricati i pdf più significativi del mensile, nella voce media partner ricordiamo le iniziative che abbiamo sostenuto. Siamo lieti di valutarne altre (mai di propaganda politica perché noi siamo liberi, indipendenti, decisi a dare voci a tutti, senza alcuna preclusione) e di supportare quelle in linea con la nostra filosofia operativa e di vita.

Diverse idee sono già “sul tavolo” ed al momento opportuno saranno annunciate, svelate. Un po’ di sano pathos, suspence non guasta. Vogliamo stupire in positivo, essere presenti, partecipi come e più di prima. Siamo tornati!!! E ci saremo!!! Con e per voi!!!

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti