PIAZZALE EUROPA 22

La dignità è completamente sparita!

Apriamo gli occhi!” è il titolo del comunicato stampa diramato dal circolo di Quarto del PD che analizza la situazione politica locale.

E’ giusta, la battaglia dei sindacati per il servizio pubblico dei bus, voluto fortemente nei decenni scorsi da amministrazioni di centrosinistra. Ma sono perfette le affermazioni del caposettore, con il pre-dissesto del Comune di Quarto, messo in atto dal sindaco Capuozzo e dai suoi accoliti Di Criscio e Santoro, è ormai impossibile, muovere un euro del bilancio comunale per qualsiasi spesa che non siano gli stipendi dei dipendenti comunale e il mensile per gli sfaccendati sindaco e assessori.
Noi del PD, lo abbiamo detto a fine luglio, immediatamente prima e poi dopo la sciagurata delibera di predissesto: i creditori dell’Ente, siano esse imprese che privati cittadini, non saranno pagati per intero ma al massimo tra qualche anno in una percentuale tra il 30-50%. Qualunque spesa tra qualche mese sarà autorizzata, esclusivamente dai funzionari della Corte dei Conti.
Gli amministratori locali resteranno al loro posto, sia pur avendo fallito, il proprio incarico, esclusivamente a prendere lo stipendio. Sentiamo le voci di due nuovi assessori. Non sappiamo cosa potranno fare: esauriti i residui staranno li a girare a vuoto per gli uffici.
Come PD avevamo detto che si doveva fare altro. Piuttosto che scaldare le sedie comunali, gli amministratori locali dovevano recarsi nei palazzi governativi a Roma o negli uffici della Regione Campania. Ops dimenticavamo che Renzi e De Luca, secondo questi personaggetti, non esistono. Potevano andare dai vertici del M5S a Roma.
Ops dimenticavamo che non gli vogliono nemmeno vedere in cartolina.
Lor Signori dovevano far Politica per il nostro territorio e non scaldare le sedie.

La dignità è completamente sparita!”

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 





Commenti