santobono-456

Finalmente la buona sanità!!

Sembrava una semplice influenza gastrointestinale e invece la febbre non scendeva nonostante la penicillina. I genitori hanno così portato la figlia al pronto soccorso dell’ospedale pediatrico Santobono di domenica sera. Dopo essere stata scupolosamente visitata da un pediatra e da un chirurgo, dopo essere stata sottoposta ad un’accurata ecografia, alla piccola Serena è stata diagnosticata una peritonite ed è stata prontamente ricoverata nel reparto di chirurgia d’urgenza.
Il giorno dopo l’ottimo chirurgo dott. Pietro Tipaldi l’ha operata. L’intervento è stato laborioso ma è andato benissimo. Il medico ha praticato un’appendicectomia con sutura intradermica. Le è rimasto un semplicissimo cerottino. La ripresa è stata abbastanza rapida, anche grazie all’ottima assistenza fornita da tutta l’equipe. Infermieri disponibili e sorridenti, medici professionali e sensibili. L’ospedale è pulito, ci sono letti, finanziati nell’ambito del progetto “Sogni d’oro” (2015/16), che sembrano navicelle spaziali: larghi, comodi ma soprattutto in grado di assumere tutte le posizioni e decollare!
Molte volontarie allietano i piccoli degenti con i palloncini colorati; ci sono insegnanti che prestano servizio in ospedale, facendo lezione ai bambini dalla materna alle medie.
Insomma il Santobono è un fiore all’occhiello della Sanità partenopea, anzi nazionale.
Bambini provenienti anche dalle altre provincia o addirittura da altre regioni del centro sud, trovano qui un’assistenza efficiente.
La piccola Nina, ad esempio è stata letteralmente salvata. Aveva una gastroenterite, ma anche un’appendicite in peritonite ed un prolasso intestinale. Ha subito due interventi e dopo una lenta ma progressiva riabilitazione oggi è finalmente stata dimessa.
E’ diventata la mascotte del reparto, tutti vogliono bene a lei e alla sua dolcissima mamma Angela.
L’ospedale è sempre visto come luogo di sofferenza, ma è anche un luogo dove si conoscono belle persone e si capisce quanto siamo fortunati!

 

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti