ANTEAS 111

La vita è preziosa e va salvaguardata

La vita è preziosa e va salvaguardata anche tenendo comportamenti corretti, idonei a prevenire diversi tipi di infortuni (cadute 48,1%, ferite da taglio 18,1%, urti o schiacciamenti 14,6%, corpi estranei 3,2%, ustioni o corrosioni 2,6%). Molti di questi avvengono nelle abitazioni (38% in cucina, 10,7% nelle scale, il 12,4% nelle pertinenze esterne, il 9,7% nei cortili o giardini, il 9,5% in camera da letto) che sono ritenuti luoghi sicuri, ma non lo sono anche perché, spesso, nel muoverci o compiere altre azioni siamo meno attenti, concentrati e, poi, le conseguenze fisiche possono essere anche gravi. I più colpiti sono le casalinghe seguiti dai bambini piccoli e dagli ultraottantenni. Questi ultimi perché hanno difese immunitarie inferiori e sono meno agili, pronti, reattivi. Sono alcune delle informazioni contenute nell’opuscolo realizzato dall’associazione Anteas e presentato, questa mattina, nell’aula magna della scuola Gobetti. E’ stata una lezione interessante, viva, in cui gli studenti, oltre ad ascoltare, hanno posto domande agli esperti che sono intervenuti.

Mario Ricciardi ha spiegato le caratteristiche di materiali molto comuni come il metallo (a 300° collassa, perdendo la sua struttura), il legno (brucia esteriormente), il metano (leggero, quindi, si concentra in alto), il gas (si diffonde in tutto lo spazio. Per abbassarne la quantità vanno aperte le finestre), gli acidi (fare attenzione nell’uso e nella conservazione). Ha chiarito la differenza tra il marchio affisso sui prodotti realizzati nell’Unione Europea o in Cina: è tutta nella distanza tra le lettere. Tanti consumatori non la conoscono e comprano solo sulla base del prezzo, ma un risparmio economico oggi può essere deleterio in futuro. Sugli oggetti comunitari è, inoltre, posta la sigla IMQ (il più importante ente di certificazione italiana, leader in Europa nell’attività di valutazione della conformità e di laboratorio di prodotti nei settori elettronico, elettrico e gas). Ha insegnato come comportarsi in caso di temporali, incendi e terremoto. Su quest’argomento ha avuto il supporto del geologo Pierluigi Musto che ha spiegato che il sisma è dovuto al movimento della crosta terrestre. Può essere inserito in una sequenza (detta sciame) come è quella che, in questi giorni, sta colpendo l’Italia Centrale. Queste scosse hanno una magnitudo alta in base alla scala Richter (quella Mercalli misura gli effetti). I Campi Flegrei sono, inoltre, soggetti al fenomeno del bradisismo, ovvero, ad un lento movimento verticale del suolo. Quando è verso l’alto è più pericoloso.

Pronta ad intervenire quando ci sono queste calamità è la Protezione Civile che è un sistema nazionale nato nel 1980 dopo la cattiva gestione del terremoto dell’Irpinia. “E’ un insieme di forze che ha come obiettivo la salvaguardia delle vite umane – enuncia l’architetto Mauro Di Vasta, coordinatore del nucleo comunale – Noi siamo il gruppo locale e saremo attivati per dare sollievo alle persone, risolvere le situazioni di emergenza. Nel frattempo stiamo cercando di varare iniziative per spiegare gli effetti del sisma così che i cittadini siano preparati come lo sono, per esempio, i giapponesi”. Cercare su youtube le immagini dei nipponici è utile per capire come affrontare questi istanti che tutti si augurano di non vivere, ma ci sono. Fanno parte della nostra vita così come gli ostacoli che impediscono ai diversamente abili di muoversi serenamente (le cosiddette barriere architettoniche). La prima legge in materia è stata varata soltanto nel 1989 e, con altre successive, sono stati previsti anche contributi per gli enti che devono adeguare le proprie strutture (gli ingressi negli edifici pubblici, le scale, i marciapiedi). Devono allinearsi anche i mezzi di trasporto (pubblici e privati). Su questo si è soffermato il professor Lucio Montesanto prima di introdurre il tema dell’inquinamento acustico, ovvero, l’insieme dei rumori sgradevoli che sono generati da impianti industriali, elettrodomestici, trasporti, strade, la musica. “Un’intensità elevata crea problemi alla membrana acustica (vertigini, ansia, stanchezza, insonnia, disturbi gastrici e cardiaci) – rivela il professor Domenico TiseoSin da giovani, quindi, è meglio tenere un volume moderato, non eccessivo, così da preservare l’orecchio che è delicato. Anche per questo in alcuni lavori è richiesto l’uso delle cuffie”. Tali attività sono definite usuranti e non possono essere svolte per un lungo periodo. Numerose nozioni che hanno interessato i ragazzi cui è stata donata una copia dell’opuscolo.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti