ASCIONE 2222

La gatta frettolosa fece i gattini ciechi

Essere vicini agli ultimi, gli emarginati, i diversamente abili è uno degli obiettivi della corrente amministrazione di Quarto che, con ritardi e difficoltà, sta cercando di soddisfare le esigenze di questi cittadini meno fortunati di altri. Nell’ottica di seguire questa linea il comune ha partecipato all’ “Avviso pubblico per l’acquisto e l’installazione nelle aree verdi pubbliche di giochi destinati a minori con disabilità rivolto a tutti i comuni della Campania” approvato dalla Regione con il Decreto Dirigenziale n. 181 del 15 novembre scorso. Ad annunciarlo, il 22 di quel mese, fu, con un post sul proprio profilo facebook, l’assessore Ilaria Ascione. “Oggi dalle ore 8.00 sono stati aperti i termini per partecipare alla domanda del bando a sportello per accedere ai fondi stanziati dalla Regione per le giostrine per bambini disabili. Annunciate le modalità sul burc pochissimi giorni fa. Grazi agli impiegati e caposettore che si sono “subiti” i miei “dobbiamo fare presto!”… “amm fatt ambress”. Ore 8,10 è partita la pec dal comune di Quarto con tutti i documenti necessari. 200.000,00 euro stanziati per un fondo max pro capite di 5000. Un rapido calcolo mi dice che 40 comuni beneficeranno. Felice io…”. Al messaggio, corredato da emoticon positive, abbinò la foto della richiesta e la ricevuta diramata dal sistema digitale dell’ente di Palazzo Santa Lucia che riceveva domande sino alle ore 16 di quel solo a giochisenzabarriere@pec.regione.campania.it Da quel giorno sono trascorsi oltre due mesi e mezzo in cui un silenzio profondo è calato sull’argomento. Poi la svolta: venerdì 3 febbraio l’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) della Regione Campania ha pubblicato il “Decreto Dirigenziale n. 2 del 18 gennaio 2017” con cui “è stata approvata la graduatoria relativa” a quel bando. Nell’allegato 2 sono elencate soltanto le 42 interpellanze che sono state accolte e tra queste non compare quella di Quarto. Essa è collocata al rigo n. 86 dell’allegato 1 dove alla voce “esito ammissibilità” c’è scritto “Assenza di copia del documento di riconoscimento”. La velocità è stata cattiva consigliera dell’ente di via De Nicola cui ricordiamo che “la gatta frettolosa fece i gattini ciechi”. “Un’altra chicca si aggiunge all’elenco delle performance negative dell’amministrazione Capuozzo – commenta il meetup# Quarto 3.0 – Nessun progetto, nessun’alchimia particolare, una semplice autodichiarazione predisposta secondo le linee guida del bando corredata della firma digitale e della copia del documento. Non ci sono parole per definire l’operato di quest’amministrazione disattenta quando trattasi di problemi riguardanti i diversamente abili (vedasi la storia infinita del trasporto scolastico)”. Si potrebbe dire “E’ a lantern man e cecat”.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti