La coerenza e la trasparenza non sono il suo forte

Leggiamo basiti l’ultimo comunicato del sindaco di Quarto a cui replichiamo ribaltando le sue stesse dichiarazioni.
A nostro avviso é il sindaco Capuozzo che deve scusarsi con i cittadini di Quarto, quegli stessi cittadini che l’hanno scelta come loro rappresentante condividendo un programma ben preciso ma presto sconfessato dal sindaco stesso. Ad oggi é chiaro a tutti che la sua espulsione é a giusta ragione. Il M5s nel gennaio 2016, le ha dato l’opportunità di dimettersi e ricandidarsi e fugare così ogni dubbio su elezioni inquinate. Sappiamo che é stato il suo rifiuto a questa opportunità che le ha procurato inevitabilmente l’espulsione. Era forse a causa dell’illecito edile emerso di lì a pochi giorni, che non l’avrebbe resa “moralmente” candidabile?
Che figura istituzionale è un sindaco che professa dei principii cardine per poi rinnegarli e condividerne altri diametralmente opposti e identificativi dell’opposizione che oggi la sorregge in Consiglio Comunale?
Il sindaco ed i suoi fedelissimi tutti chiedano scusa ai cittadini perché la malafede è in solido.
Ammetta il sindaco che la coerenza e la trasparenza non sono il suo forte e rammenti che il M5s non ha abbandonato il sindaco di Quarto perché i cittadini hanno un sindaco solo formale ma non sostanziale: altri ed alti sono i valori che un Sindaco deve incarnare.
COMUNICATO MEETUP#QUARTO3.0

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 

IL SINDACO: “IL DIRETTORIO DEVE CHIEDERE SCUSA AI CITTADINI”

Capuozzo: “Di Maio non deve nominare Quarto”





Commenti