BENE CONFISCATO

La villa di Perrone consegnata al Comune

Un tassello importante, in ambito di legalità, è stato apposto questa mattina dall’amministrazione guidata dal sindaco Rosa Capuozzo. Alla presenza del Comandante della Polizia Municipale e dei militari della Tenenza di Quarto, è stata apposta la firma per la consegna, ufficiale delle chiavi della villa appartenente al ras del clan Polverino, Roberto Perrone, attualmente collaboratore di giustizia, da parte dell’ agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata. “Questo è un chiaro segnale dell’attività che la nostra amministrazione sta attuando sul territorio sulla scia del percorso iniziato dai commissari. Il bene confiscato sarà destinato, grazie ad un bando pubblico, a cittadini ed associazioni e sarà rivolto prettamente al sociale” ha dichiarato il sindaco Rosa Capuozzo. Già nel 2015, i commissari prefettizi disposero un piano di contrasto ed il Comune di Quarto, stando a quanto disposto dalla Prefettura ha immediatamente acquisito e preso possesso del bene per sottolineare l’importanza della sinergia tra Comune e città in termini di contrasto all’illegalità. “La legalità non è un concetto astratto benché meno un’ opinione – Ha asserito l’assessore al Patrimonio e beni confiscati Mauro Scarpitti – Abbiamo già disposto agli uffici di procedere in ordine a quelle che possono essere le previsioni di quello che sarà un bando pubblico, così come previsto dalla delibera di indirizzo proposte approvate nella Giunta comunale commissariale del 14 aprile 1015 dai commissari”.
Ufficio Comunicazione sindaco di Quarto Rosa Capuozzo – Flavio Boldrini

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti