Perplessità, dubbi sulle cifre dovute alla Multiservizi

Le dimissioni degli assessori Scarpitti e Scherillo con la posizione dei gruppi Uniti per Quarto e Forza Gabriele sono il tema che stanno caratterizzando la politica locale che, però, deve fronteggiare anche un’uscita economica importante, pesante. A comunicarla fu il consigliere Gabriele Di Criscio nell’intervista rilasciata al tg di Quarto Canale Flegreo il 20 aprile scorso. “E’ arrivata da parte del legale della curatela fallimentare della Quarto Multiservizi una richiesta di rimborso per 11,8 milioni – rivela ai microfoni del direttore Umberto Milazzo – Come amministrazione, sin dalle gestione commissariale, fu messa in bilancio una cifra per la copertura di questo fallimento”. “Non siamo del tutto convinti sulla cifra dovuta alla Quarto Multiservizi spa per cui come cittadini nonché contribuenti del Comune e dello Stato, chiediamo chiarezza sui conti della predetta società partecipata – annunciano in una nota ufficiale gli attivisti del meetup#Quarto 3.0 – Le nostre perplessità e dubbi nascono da una serie di motivazioni che succintamente riportiamo: 1) l’ultimo bilancio approvato della Quarto Multiservizi risale al 2007. Per il periodo 2008/12, non è dato sapere se non sono mai stati sottoposti per l’approvazione o se non sono stati approvati. In quest’ultimo caso sarebbe utile ed interessante conoscerne le motivazioni. 2) Nella sua ricostruzione la curatela fallimentare afferma che, dalla documentazione contabile societaria, non si evince alcun credito del Comune (cosa ovvia) e che la documentazione presentata dall’amministrazione non è sufficiente o quantomeno incompleta per dimostrare la pretesa creditizia. Nella contabilità del Comune risulta la duplicazione del pagamento degli oneri versati sia al commissariato di governo che alla Quarto Multiservizi. Apparentemente non si trova traccia di compensi di partite debitorie e creditorie. Reiteratamente nelle relazioni dei revisori viene evidenziata lo scostamento di importi tra quelli riportati in bilancio e quelli richiesti dalla società partecipata, invitando l’amministrazione ad effettuare l’allineamento dei dati. I dati contabili riportati sui bilanci del Comune riconducono ad un debito diverso da quello richiesto. Per tutte queste motivazioni nell’interesse della cittadinanza tutta (amministrazione compresa), nei prossimi giorni chiederemo l’accesso agli atti ed alla contabilità inerenti la Quarto Multiservizi”.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti