Multiservizi, con Di Criscio aumento esponenziale dei debiti

Prosegue il viaggio del meetup#Quarto 3.0 nella lunga storia della Quarto Multiservizi. Gli attivisti riflettono, oggi, sulle cifre relative ad un periodo ben preciso. “Nel novembre del 2005, l’allora sindaco di Quarto Pasquale Salatiello – ricordano – nomina nuovo amministratore delegato della società il ragioniere Gabriele di Criscio che “vanta una lunga esperienza in materia di diritto societario” (così è riportato fedelmente nel comunicato stampa n.182/05 del 3 novembre 2005 del comune) e succede al dott. Gennaro Bruno”. Leggendo il bilancio del 2005 della Quarto Multiservizi gli attivisti evidenziano “i valori di alcune poste del debito lasciate in eredità al nuovo amministratore delegato: debiti tributari (irpef, iva ecc.) per euro etc. 440604,00, debiti previdenziali (Inps, Inail ) per euro 156490,00”. Poi analizzano il bilancio del 2007 concentrandosi sui “valori delle stesse voci lasciate in eredità al nuovo amministratore delegato, avv. Angelone: Debiti tributari (irpef, iva ecc) per euro 1410000,335”, ovvero, un incremento del 255% rispetto al dato precedente, “debiti previdenziali (Inps, Inail) per euro 1684738″, quindi, “un incremento pari al 953%”. “Non puntiamo il dito contro nessuno, come fatto dall’avv. Angelone, se vi sono state responsabilità, queste non dobbiamo accertarle noi ma gli organismi preposti”, ma evidenziano “un dato, pubblicamente riscontrabile, l’incremento esponenziale dei debiti durante la gestione del ragioniere Gabriele Di Criscio a cui oggi , senza false ipocrisie, di fatto è affidato il bene del paese”.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti