VIA SANTA MARIA 17

Oggi siamo veramente al limite!

La tutela dell’ambiente è un’operazione che coinvolge sia i cittadini sia l’amministrazione. Da anni a Quarto è precaria, poco continua, completa, uniforme. Ciò genera malumore, malcontento nei residenti. Lo sono anche i consiglieri comunali tra cui l’indipendente Vincenzo Di Pinto che, dopo una prolungata osservazione del territorio, espone alcune sue riflessioni, considerazioni. “Ricordo che facevo meno fatica con i Commissari che con l’attuale Amministrazione. Il decoro e’ stato sempre uno dei principali argomenti che sottoponevo alla allora terna commissariale ed e’ stato oggetto di miei parecchie note e denunce fatte sia agli uffici competenti, sia all’assessore Perotti (delega all’ambiente), sia alla Polizia Locale. E’ senza ombra di dubbio un argomento difficile da gestire, tanto che in un mio intervento in aula parlavo di “stupro del territorio”. Ognuno diventa padrone degli spazi comuni senza badare ad alcun regolamento e/o coscienza morale. Siamo di fronte alla diseducazione piu’ ampia e manifesta che si possa subire! Imprenditori, privati, circhi, associazioni, hanno da sempre abusato e disatteso ogni regola dell’essere civile, forti anche dell’impunità che ne è sempre conseguita. Ma oggi siamo veramente al limite! Perché, se non si capisce, ma ne dubito, addirittura adesso è l’amministrazione comunale che ha oscurato un manifesto abusivo (giustamente), per poi affiggerne altri a pochi metri, in disprezzo di ogni norma, di ogni regolamento! Possibile che dopo due anni non solo non si riesce a far rispettare le regole, ma addirittura le si disattende? Chiedo pubblicamente agli organi competenti di prendere tutti i provvedimenti del caso. Assessore Perotti, quali provvedimenti saranno presi? Aspettiamo”.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.





Commenti