DI PINTO 7

Di Pinto: “Uno scacco alla democrazia”

Unico voto contrario alle modifiche richieste al regolamento del civico consesso è arrivato dal consigliere indipendente Vincenzo Di Pinto che motiva così la sua decisione. “Da sempre abbiamo lottato contro coloro che facevano le leggi ad personam, ed oggi mi imbatto contro una proposta presentata proprio dai miei ex amici politici. Gli eletti nel M5S continuano a fare scuola “vecchio stile politico”.  Tutto nasce dalla mancata approvazione” nel consiglio comunale del 23 giugno (articolo sotto riportato), dell’ordine del giorno “Esame e approvazione dello Statuto Comunale”, per mancanza di numero legale. Da qui subito la Commissione Affari Generali si mette al lavoro, e con le note 23472 del 28 giugno e 24185 del 3 luglio viene proposto al Consiglio di approvare le modifiche inerenti il quorum minimo per deliberare le modifiche di statuto, la modifica inerente la computazione del sindaco per rendere valida una seduta, e la diminuzione dei giorni (da 5 a 3) per notificare ai consiglieri le convocazioni. Queste modifiche consentiranno all’attuale maggioranza di blindare la loro permanenza in amministrazione senza confrontarsi con i numeri dell’opposizione. Uno scacco alla democrazia che tutela i diritti delle opposizioni!  Alla debacle del 23 giugno seguirono già le “distratte” dichiarazioni di Fontana che, riferendosi agli assenti, insinuò che a rallentare i lavori erano stati proprio Brescia, Passaro e lo scrivente”; evidentemente già ha dimenticato che la Commissione Statuto ha lavorato alacremente e chiudendo i lavori nei primi mesi del 2016, dopodichè il si è arenato tutto nonostante i solleciti che il sottoscritto faceva agli organi competenti (Sindaco e Segretario Generale); l’ultimo sollecito addirittura è datato 15 luglio 2016! Quindi chi ha voluto e vuole fortemente rallentare se non addirittura azzerare i lavori è proprio questa maggioranza.  Infine, tengo ad evidenziare che portare da 5 a 3 il numero di giorni minimi per convocare i consiglieri fa si che non si dia la possibilità alcuna agli stessi di esaminare le proposte da approvare; si pensi ad esempio all’approvazione del bilancio che richieder uno studio approfondito e non così rapido! Questa è la conferma che il Sindaco ha bisogno solo di persone che alzano la mano!”.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 

APPROVATE LE MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Cordialità e clima vacanziero per la modifica al regolamento

 

RINVIATA LA MODIFICA DELLO STATUTO COMUNALE

Manca il quorum per modificare lo statuto





Commenti