Acqua non tale da non essere potabile

L’amministrazione comunale è stata informata dalla società Acquevenete che, nell’ambito dei controlli di routine svolti dal laboratorio interno, sono stati riscontrati valori relativi alla presenza di un composto perfluoroalchilico (C6O4) in concentrazione superiore al limite di rilevabilità, in corrispondenza di una cassetta di prelievo in località Santa Maria Maddalena.

Tale cassetta fa riferimento alla fornitura acquedottistica che arriva dalla stazione di Hera, in Comune di Ferrara, e che preleva acqua dal fiume Po. La fornitura in questione interessa una parte del territorio di Santa Maria Maddalena. Al momento, in base ai dati in possesso degli organi competenti, non vengono riscontrate condizioni tali da dichiarare la non potabilità dell’acqua.

Pur non essendo presente allo stato attuale un limite normativo nazionale per la sostanza rilevata, Acquevenete ha richiesto ad Hera di mettere in campo sollecitamente le misure necessarie a riportare le concentrazioni della sostanza a un livello inferiore al limite di rilevabilità.

Il sindaco Coizzi rimane costantemente in contatto con Acquevenete per essere informata relativamente al monitoraggio effettuato sulla fornitura proveniente da Hera Ferrara.

L’amministrazione comunale provvederà a mantenere informata la cittadinanza.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO

L’ASS. LECCESE CHIARISCE CHE E’ LA ZONA “PIU’ PROSSIMA ALLA SS16”





Commenti