“Un fondo con disponibilità finanziarie irrisorie”

La chiusura del punto vendita Mercatone Uno è stata un duro colpo per l’economia di Occhiobello già condizionata da altre sospensioni di attività imprenditoriali. Tutte decisioni che hanno incrementato la disoccupazione, danneggiando giovani e famiglie. Il comune proverà ad alleviare le difficoltà di questi cittadini con un fondo straordinario per chi ha perso il lavoro . “L’amministrazione ha finalmente deciso di mettere in atto quanto a gran voce, da tempo e pubblicamente, le stavamo suggerendo. Meglio tardi che mai… – afferma in una nota il gruppo consiliare Occhiobello per te – Non vogliamo passare per la figura del grillo parlante, ma ci permettiamo di asserire che, anche in questo caso, l’idea era nostra. Qualcuno ricorderà che avevamo cercato di spiegare con ogni mezzo, anche con banali post sui social, cosa si doveva fare e chi mettere al lavoro su quanto solo oggi è stato concepito. Un amministratore deve riuscire ad esserlo per tutti ed in maniera corretta. In questo caso il metodo l’hanno appreso, pur senza ritenere di condividere con noi il merito della risoluzione. Infatti, è stato partorito un fondo con disponibilità finanziarie irrisorie, se non ridicole. Quindi solamente un contentino per chi riuscirà ad averne accesso. Siamo convinti che i problemi vadano affrontati con le giuste misure di sostegno. Altrimenti è meglio star fermi e attendere tempi migliori”.

Qualcosa, per l’economia locale, dovrebbe cambiare in seguito al passaggio di proprietà dell’Outlet che è stato ufficializzato pochi giorni fa. “I contorni dell’operazione non sono ancora stati pubblicamente delineati, per cui attendiamo la conferenza stampa annunciata per settembre – sottolinea il gruppo di minoranza – In ogni caso è una buona notizia per il territorio, che anche l’amministrazione precedente si augurava e attendeva da lungo tempo. Siamo positivi e auguriamo una veloce ripresa e commercializzazione dei locali. Nuova linfa che arriva da privati investimenti. Siamo certi che con la ripresa economica della struttura anche il Comune, le aziende del territorio e le associazioni locali potranno finalmente recuperare le loro spettanze“. Sarà un’occasione di rilancio per il territorio a 360°.

PER IL SINDACO E’ UN DOVERE PROMUOVERE UN SOSTEGNO PER LE FAMIGLIE.





Commenti