Un regolamento comunale per bandire la plastica

Liberi dalla plastica, il Comune aderisce alla campagna del ministero dell’ambiente ‘plastic free challange’. La giunta ha approvato, con una delibera, di unirsi all’iniziativa nazionale che contribuirà alla diminuzione dell’utilizzo della plastica in alcuni ambiti.

Dopo la predisposizione di uno specifico regolamento comunale che avverrà nei prossimi mesi, si prevede che i pubblici esercizi e le attività commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande non distribuiscano ai clienti sacchetti per la spesa monouso in materiale non biodegradabile e usino esclusivamente posate, piatti, bicchieri, sacchetti monouso in materiale biodegradabile e compostabile. L’ecologia, inoltre, sarà la modalità anche in occasione di feste pubbliche e sagre dove il materiale sarà nel rispetto dell’ambiente.

Il passaggio verso un impiego di materiali diversi dalla plastica – anticipa l’assessore alla cultura Lorenza Bordin che sta promuovendo un progetto analogo nelle scuole -, sarà graduale e conseguente a una precisa regolamentazione comunale che consenta anche di smaltire eventuali scorte, in ogni caso l’obiettivo è quello di ricorrere il meno possibile alla plastica”.

L’ufficio di presidenza del Parlamento europeo ha recentemente deciso di mettere al bando, a partire dalla prossima legislatura, le bottigliette di plastica dagli edifici del Parlamento di Bruxelles e Strasburgo.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO

BUON COMPLEANNO RISONANZE MEDIATICHE!!





Commenti