Controllate 798 persone, 40 sanzionate, 4 denunciate

Dall’entrata in vigore del Dpcm del 26 aprile e delle ordinanze regionali del 3 e 4 maggio, il personale della Polizia locale ha concentrato l’attività di controllo del territorio per verificare l’osservanza del divieto di assembramento e aggregazione delle persone e sull’uso dei dispositivi di protezione individuale, nel rispetto delle direttive impartite dalla Prefettura di Rovigo. “Massima attenzione – precisa la comandante della Polizia locale Monica Montanariè stata prestata anche alla verifica delle corrette modalità di vendita per asporto di alimenti con il conseguente divieto di consumo sul posto”.

I servizi svolti dall’11 marzo al 3 maggio: 798 persone controllate, 1636 controlli in esercizi commerciali (verifica giornaliera delle chiusure se imposte, verifica rispetto prescrizioni di esercizio, ecc..), 107 pattuglie impiegate, 208 agenti impiegati in servizi esterni di ordine pubblico, 832 ore di servizio svolto.

Le violazioni accertate: 3 persone denunciate ex art. 650 codice penale, 1 persona denunciata ex art 495 codice penale, 1 persona denunciata art 651 codice penale, 40 persone sanzionate ex art 4 c. 1 D.L. 25/03/20 n. 19, una attività commerciale sanzionata in base all’ordinanza 37 Regione Veneto. “Grazie alla collaborazione dei volontari delle associazioni Occhio Civico e Anc – aggiunge la comandante Montanari -, è quotidianamente monitorata la situazione dei parchi e delle aree verdi comunali in particolare nel parco di via Buozzi e nel viale dei Nati dove, dall’entrata in vigore dell’ordinanza sindacale n. 77 del 4 maggio, è consentito l’accesso nel rigoroso rispetto del divieto di assembramento e delle disposizioni generali vigenti”.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti