Il Comune pulisce le caditoie

Pulizia e spurgo delle caditoie, un intervento da 19.215 euro (iva inclusa). Si sta svolgendo in questi giorni il servizio a tutela della funzionalità idraulica, affidato a Mte lavori edili, che riguarda complessivamente la pulizia di 2500 caditoie e lo spurgo di altre1000. Ogni mese, la ditta eseguirà il lavaggio nei giorni che precedono l’intervento larvicida sulle caditoie pubbliche a cura dell’azienda Ulss 5. “Oltre a quanto fa Acquevenete per la pulizia delle caditoie – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Silvia Fuso -, interveniamo per una maggiore prevenzione sia dal punto di vista ambientale sia idraulico agevolando lo smaltimento delle acque meteoriche ed evitando gli allegamenti in caso di forti piogge”. La manutenzione di tutte le caditoie, infatti, impedisce l’accumulo di elementi e polvere, causa di ristagni d’acqua e malfunzionamento della rete.

Zanzare, i risultati dei primi monitoraggi

Un leggero aumento della presenza di uova è emerso dalla lettura delle 22 ovitrappole collocate tra Occhiobello e Santa Maria Maddalena. Rispetto alla media del periodo di un anno fa, la zanzara tigre, che si rivela fastidiosa soprattutto nelle ore pomeridiane, ha manifestato un aumento delle deposizioni di uova in alcune zone del paese. A un mese dalla consegna del prodotto ai cittadini, sono stati raccolti i primi dati relativi alla presenza dell’insetto sul territorio. “Registriamo, quest’anno, una deposizione anticipata di almeno due settimane rispetto allo stesso periodo del 2019 – spiega l’entomologo Davide Di Domenico -, perché l’inverno mite e la primavera precoce hanno favorito la proliferazione della tigre”. L’individuazione, tramite i monitoraggi, delle zone critiche permette di bonificare con tempestività e mantenere sotto controllo i quartieri. La raccolta delle ovitrappole avviene, per questo, settimanalmente e la lettura fornisce la cifra precisa della presenza di uova deposte. I cittadini, pertanto, devono continuare, fino a ottobre, a trattare le caditoie domestiche con le gocce di prodotto larvicida consegnato dal Comune e, sempre nelle aree private, evitare che si formino ristagni d’acqua.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti