Anziani e giovani in contatto grazie al digitale

I rapporti intergenerazionali tra giovani e anziani, tenuti insieme anche grazie al digitale. Il progetto Parla con me, promosso da Ancescao e che ha coinvolto il centro Azzurro assieme alle classi primarie e secondarie di Occhiobello, è stato riconvertito durante la pandemia mantenendo l’obiettivo di fondo: fare parlare e scoprire reciprocamente generazioni di adolescenti e nonni. L’attività di animazione sociale su cui Parla con me era stata progettata, dopo i primi mesi di confinamento, è stata realizzata ricorrendo a materiali multimediali e canali digitali. Giovani e anziani si sono conosciuti tramite le videochiamate favorendo, quindi, l’inclusione e il superamento del rischio di emarginazione, soprattutto alla ripresa dell’emergenza pandemica.

Le relazioni, quindi, non si sono perse, ma hanno trovato un altro luogo in cui avvenire: giovani e anziani hanno potuto interagire parlando di bullismo, cyberbullismo e come proteggere i nonni dal Covid.

Il progetto Parla con me si è concluso al centro azzurro di Occhiobello alla presenza degli assessori Lorenza Alberghini (Politiche sociali), Lorenza Bordin (Politiche giovanili), della presidente del centro Azzurro Serenella Mazzetti e Tonino Franceschetti, consigliere nazionale Ancescao.

Chiusura notturna dell’autostrada dal 15 febbraio

Dal 15 febbraio per sei notti consecutive, dalle 22 alle 6, sarà chiuso al traffico il tratto autostradale compreso fra i caselli di Occhiobello e Ferrara nord in direzione Bologna. La chiusura è necessaria per effettuare un intervento di manutenzione ai giunti del ponte sul fiume Po (ordinanza 52/2021).

La viabilità alternativa consigliata è: Santa Maria Maddalena, statale 16 Adriatica, via Eridano.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti