Solidarietà all’Ucraina, famiglie pronte a ospitare

Cittadini ucraini disposti a ospitare connazionali profughi. Il sindaco Coizzi è stata interpellata da alcuni residenti che hanno chiesto informazioni su come attivare l’ospitalità di persone che si stanno mettendo in fuga dai territori ucraini.

Il sindaco, in proposito, ha partecipato a un incontro, assieme ad altri sindaci, con il prefetto Di Nuzzo che ha illustrato le modalità di accoglienza: “In questo momento – spiega Sondra Coizzi -, le persone, soprattutto, donne, bambini, giovani e anziani stanno arrivando in maniera autonoma per ricongiungersi a parenti o trovare riparo in famiglie di conoscenti. E’ necessario che chi ospita, lo comunichi al Comune entro otto giorni utilizzando il modulo ‘dichiarazione di presenza’ e venga attivato il prima possibile uno screening sanitario con test Covid, affinché l’ospitalità rispetti tutti i crismi e le regole previste”.

Sono settantasette gli ucraini residenti nel Comune di Occhiobello e, secondo il sindaco, è quindi presumibile che si attivi una catena di solidarietà: “Chi volesse adoperarsi per accogliere, deve anche tenere presenti gli adempimenti burocratici che servono in questi casi, come il possesso di documenti, passaporto e la necessaria dichiarazione di ospitalità”.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti