Mensa e scuolabus gratis per i bambini ucraini

Esenzione totale dal pagamento delle tariffe per mensa e trasporto scolastico per i bambini ucraini inseriti nei plessi scolastici del Comune di Occhiobello. L’integrazione e l’accoglienza dei profughi che, dal mese di marzo, sono ospitati in famiglie occhiobellesi, si concretizza anche agevolando la fruizione dei servizi scolastici. La giunta ha approvato che, fino a fine anno e, in caso di necessità qualora dovesse protrarsi l’emergenza dovuta al conflitto, le famiglie ucraine non pagheranno la mensa scolastica e lo scuolabus. La frequenza a scuola è subordinata al rispetto di quanto prevede la normativa nazionale e regionale in ambito sanitario sulle vaccinazioni obbligatorie. La possibilità di fruire di servizi scolastici è una misura, quindi, a supporto e sostegno a famiglie ucraine in fuga dalla guerra per le quali la comunità occhiobellese si è mossa sin dai primi giorni attivandosi per trovare soluzioni alloggiative e beni di conforto a fronte di un’emergenza umanitaria.

“Il diritto all’istruzione – interviene l’assessore alla Pubblica istruzione Lorenza Bordin – è fondamentale anche per i bambini e le bambine ucraine che hanno dovuto lasciare tutto a metà anno scolastico, la scuola crea un ambiente di serenità in cui ritagliare una ‘bolla’ di normalità in cui gli studenti possano esprimersi al meglio anche in mezzo a questa grande confusione che ha creato la guerra”.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti