Il 18 giugno la firma del gemellaggio con San Benedetto Po

A Renningen e Mennecy, si aggiunge San Benedetto Po, in provincia di Mantova, tra i Comuni gemellati con Occhiobello. La cerimonia si terrà sabato 18 giugno alle 10.30 nel parco della rotta, luogo simbolo di quei tragici giorni del 1951 in cui si formò il legame di solidarietà fra i due paesi. Nel numero di maggio del Municipionline, l’assessore ai Gemellaggi Laura Bella spiega come è nata la volontà di stringere un patto di amicizia con San Benedetto Po: “Durante le celebrazioni per i 70 anni dell’alluvione, il sindaco di San Benedetto Po Roberto Lasagna, invitato a Occhiobello, ha manifestato la volontà di gemellarci essendo i due paesi ormai legati da tantissimo tempo. Anche a San Benedetto Po, nel novembre 2021, è stata ricordata l’alluvione con una mostra sui cimeli dell’epoca. A seguito di incontri successivi tra l’amministrazione di Occhiobello e quella del Comune mantovano, abbiamo approfondito la volontà reciproca di gemellarci. E così il 18 giugno firmeremo a Occhiobello il patto di gemellaggio, a cui invitiamo i cittadini a partecipare”.

A settembre, inoltre, per Occhiobello ci sarà un’altra cerimonia, cioè il decennale della firma del gemellaggio con la tedesca Renningen, a cui parteciperanno una delegazione di Mennecy, un rappresentante di Countesthorpe e il sindaco di San Benedetto Po. “Come sempre – anticipa Laura Bella -, saranno le famiglie ad accogliere gli ospiti che, dopo le cerimonie ufficiali, coinvolgeremo in visite sul territorio e dintorni, ma il programma è ancora in fase di definizione”.

Il consiglio comunale dei ragazzi e le scuole saranno sicuramente coinvolti nelle attività culturali del gemellaggio: “Prenderemo accordi con l’istituto comprensivo per valorizzare i nostri allievi dell’indirizzo musicale – aggiunge l’assessore Bella – e il consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze sarà protagonista con proposte e idee, dato che tutti i paesi gemellati hanno il consiglio comunale dei ragazzi”.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO

“NEL FUTURO SCAMBI CULTURALI ED ECONOMICI FRUTTUOSI”





Commenti