Ente Palio San Lorenzo protagonista al Festival di Renningen

Un forte rapporto di stima, amicizia nato casualmente tra l’Ente Palio San Lorenzo (presieduto dallo scorso ottobre da Donata Pavanello) e gli organizzatori del Festival medioevale di Renninger. Da oltre 13 anni la cittadina tedesca nel land Baden Württemberg è gemellata con il comune di Occhiobello, ma un giorno di 9 anni fa scoccò la scintilla tra le due associazioni. Antonio Formaggio (in quel periodo coordinatore del gruppo palio, oggi araldo nella piazza nella sera del palio) stava approfondendo, grazie ad internet, la conoscenza della località “amica” nel sud della Germania e scoprì che, in estate, ospita una manifestazione, in stile celtico, che attira oltre 10000 persone in due giorni. Una rassegna molto bella, suggestiva, originale che sottopose all’attenzione degli altri soci che la apprezzarono tanto ed insieme decisero di contattare i promotori per invitarli al Palio di San Lorenzo. Vennero in 6 ed al termine di quest’esperienza contro cambiarono l’invito.

Da quella volta, ogni anno, c è questo scambio che si ripeterà tra pochissimo. La delegazione teutonica arriverà sulla riva sinistra del Po venerdì 9 agosto quando alle ore 18 ci sarà l’accoglienza ufficiale nella sala consiliare alla presenza del sindaco Sondra Coizzi, dell’assessore alla Cultura, al Turismo ed agli Eventi Lorenza Bordin, del consigliere delegato al palio Laura Bella. Sarà anche l’occasione per uno scambio di doni. Seguirà la cena in piazza Matteotti. Sabato mattina è prevista la visita guidata a Verona con ingresso nell’Arena e nella casa di Romeo e Giulietta. Un’escursione inedita per i tedeschi che l’attendono con grande entusiasmo. Avranno così l’opportunità di conoscere un altro pezzo d’Italia (ogni anno è proposta una meta diversa). In serata tutti insieme parteciperanno al corteo storico durante il quale ci sarà un’esibizione, a sorpresa, del gruppo teutonico.

Domenica mattina i saluti ufficiali che sono, anche, una sorte di arrivederci dato che il 29 agosto, 50 occhiobellesi partiranno per il sud della Germania dove all’arrivo ci sarà una prima passeggiata libera. Per venerdì mattina è fissata la visita guidata al castello di Ludwigsburg (uno dei massimi esempi dell’Architettura barocca della regione, iniziato nel 1704 e terminato il 1806 circa). Nel pomeriggio l’accoglienza ufficiale dell’amministrazione nell’arena: l’ingresso è un’emozione unica, indescrivibile. All’interno dell’anfiteatro tutti indosseranno abiti medioevali, ma, soprattutto, c’è il logo dell’Ente Palio San Lorenzo che, da un anno, ha un suo cavaliere, Angelo Cirigliano, e questo consente al gruppo di essere parte attiva, protagonista (con balli, con gli sbandieratori che i tedeschi) nella rassegna. Dopo le esibizioni ci sarà la cena collettiva. Il sabato mattina sarà dedicato ad un’altra escursione culturale. Dal pomeriggio inizierà la fase clou del festival con gli 800 figuranti teutonici che saranno scortati dai musici di Occhiobello. In serata le performance dei gruppi di fuochisti provenienti da tutta l’Europa. Terminerà così un’esperienza culturale unica, importante in cui si scoprono le tradizioni, gli usi, i costumi locali, si inizia ad imparare la lingua. E’, inoltre, un lungo fine settimane di socializzazione, condivisione, svago, relax, divertimento.





Commenti