Che vinca il migliore!

La campagna elettorale è finita per questa testata giornalistica (come anticipato sabato 1° giugno) che ha deciso di concedere qualche ora in più ai lettori residenti per riflettere e decidere. C’è tanto su cui ragionare.

Dal 10 febbraio scorso è stato un flusso continuo di iniziative pubbliche (semplici comizi, aperitivi, pranzi, concerti), di voci, di chiacchiere, di comunicazioni ufficiali. Difficile seguire tutto, necessario fare una selezione sulla base dei propri gusti, del tempo libero da altri impegni. Risonanze Mediatiche ha seguito una propria linea (che sia piaciuta o meno, ma sarà sempre così) e conclude questo percorso con un invito chiaro, diretto, semplice, spassionato ai candidati sindaco Sondra Coizzi e Irene Bononi ed alle rispettive liste “Avanti Insieme Occhiobello” e “Occhiobello Domani”.

Nelle scorse settimane avete usato le vostre strategie per promuovervi che unite alle opinioni, le impressioni di amici, conoscenti, simpatizzanti hanno determinato un “clima politico” teso, vibrante, non sempre piacevole, sinceramente inaspettato per queste latitudini. Da lunedì sera, una di voi indosserà la “fascia tricolore” che dovrà onorare, rispettare con le parole, ma soprattutto con fatti concreti mirati a risolvere i problemi del territorio che, contemporaneamente, ha risorse, potenzialità utili ad una crescita corale, armonica. Occhiobello (con i suoi quartieri e le frazioni) non deve diventare un paese dormitorio, ma una realtà viva, dinamica, attrattiva sfruttando la sua posizione geografica, la voglia di impegnarsi in maniera sana, proficua di molti abitanti (con le associazioni di volontariato, culturali, sociali, sportive, religiose) che hanno lo “spirito di comunità”. Un fuoco da rimpinguare ed accendere negli altri.

Numerosi sono i provvedimenti da adottare, le azioni da compiere. Spetteranno alla maggioranza, ma la minoranza dovrà vigilare, ma anche essere propositiva, di supporto perché tutti i 16 eletti hanno finora detto di candidarsi per il “bene del paese” e dall’insediamento ufficiale dovranno dimostrarlo ed i cittadini dovranno monitorare, essere da pungolo, da stimolo. E’ stato bellissimo, sorprendente vederli così tanti (ed attenti, concentrati) al confronto del 29 maggio, ma non basta. Bisogna continuare a seguire perché, come scritto su facebook, nei giorni scorsi, da Riccardo Rivani, “le decisioni in consiglio comunale impattano sulla vita di tutte le comunità, meglio conoscerle prima piuttosto che vedersele arrivare addosso senza preavviso per poi abbaiare alla luna se non ci vanno bene”.

Le sedute del civico consesso sono pubbliche, poi ci sono i verbali delle stesse pubblicati sull’albo pretorio del sito internet istituzionale. E’ auspicabile una futura diretta streaming con possibilità di guardarle pure in differita. Si potrebbero chiedere dettagli, lumi al sindaco che sarà di tutti ed entrambe hanno detto che saranno vicine ai residenti. Ci sono, quindi, diversi modi per conoscere, approfondire e poter partecipare con suggerimenti, richieste. Questa è la vera cittadinanza attiva.

Intanto nelle prossime 40 ore non resta che meditare, valutare su chi riporre la propria fiducia e, poi, recarsi al proprio seggio per farlo.

Risonanze Mediatiche invita a non trascurare questo gesto e, contemporaneamente, augura, in maniera neutra, scevra da condizionamenti, in bocca al lupo ai 34 candidati e che vinca il migliore.

QUANTI VOLESSERO APPROFONDIRE I TEMI DI QUESTA CAMPAGNA ELETTORALE NELLA SEZIONE SOTTO RIPORTATA TROVANO TUTTI I COMUNICATI STAMPA E GLI ARTICOLI PUBBLICATI IN QUESTI MESI

https://www.risonanzemediatiche.it/category/politica/elezioni-amministrative-2024/





Commenti