PARCO BRESCIA 22

Dramma familiare: uomo suicida in via De Falco

Tragedia familiare in via Giorgio De Falco. Al termine dell’ennesima lite con la moglie un uomo ha deciso di togliersi la vita. E’ accaduto nel primo pomeriggio, ma il cadavere è stato rinvenuto solo alcune ore dopo. Sono circa le ore 19.30 quando la serenità di Quarto Flegreo è stata scossa dalla sirene dei vigili del fuoco. Sono ben due mezzi (una scala ed un’autopompa) che corrono verso il civico 94 (Parco Brescia, con due edifici e tre scale). Giunti sul posto gli è chiesto di aprire la porta, chiusa con le mandate, dell’appartamento al 4° piano della prima verticale. All’interno dovrebbe esserci un signore che i parenti non vedono e sentono da circa le ore 15 e sono abbastanza preoccupati perchè non risponde neppure al telefono.
Temendo che qualcosa di grave possa essere accaduto, i pompieri entrano per primi nella casa e, nell’ultimo vano, la scena è drammatica. C’è un 44enne che si è impiccato. A prima vista appare già deceduto, ma per sicurezza telefonano il 118. Gli operatori sanitari non possono far altro che confermare l’avvenuta morte di M.P. e non da poco data la temperatura corporea. La certezza la darà solo il medico legale. La notizia getta nello sconforto più totale i cari dell’uomo. Forti, struggenti le urla di dolore della sorella che è consolata, nel parco, da alcuni vicini che iniziano ad interrogarsi sull’accaduto. Tutti conoscono la famiglia (padre, madre e figli), sanno di rapporti non proprio idilliaci tra i coniugi che spesso discutono animatamente.  Fatti e motivazioni che saranno esaminati dai Carabinieri della locale Tenenza che sono accorsi per effettuare i rilievi del caso. Ascolteranno i parenti e sicuramente i vicini che, dai balconi, seguivano con attenzione, preoccupazione, le operazioni.
Curiosando sul profilo facebook dell’uomo emerge che l’ultima condivisione c’è stata verso le ore 14.30. Continuando a scorrere la “bacheca” ci sono foto, quiz, video, ma nulla che potesse far presagire un gesto estremo di tale portata. Le urla della cognata non sono chiare, illustrative ed in questi frangenti non è neppure il caso di violare troppo la privacy. La discrezione è importante in un dramma simile. Colpisce la forza d’animo del padre del signore che, ricevuta la triste notizia, corre nello stabile.

Decine i messaggi di cordoglio alla famiglia pubblicati su facebook. Abbiamo selezionato i più significativi. “Oggi il mio lavoro mi ha messo a dura prova, dover prendere un amico è stato difficile e doloroso – scrive Angelo Riposa in pace grande Mariano. Sei stato e sarai sempre un grande uomo. Eri così forte e così determinato perché un gesto così assurdo. Perché mio Dio non sei presente quando qualcuno ha bisogno di te. Perché tutto questo dolore ai figli e la moglie”. “Non ci posso credere – esclama GinoTi voglio sempre ricordare con quel tuo sorriso e quelle tue battute sempre pronte a farmi ridere”. “Ragazzo sempre sorridente – aggiunge Filippo – Sono senza parole”.

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 

AIUTACI A CRESCERE. Chi volesse sostenere il progetto farlo sfruttando una delle opzioni pubblicitarie disponibili:
– Spazio laterale sulla homepage: 30 euro mensili
– Spazio centrale in tutte le pagine: 50 euro mensili
– Spazio sotto in tutte le pagine: 40 euro mensili

Mezza pagina sul giornale: 50 euro
Pagina intera sul giornale: 100 euro
Ultima pagina intera sul giornale: 150 euro
Per info 333 8737438

 





Commenti