Indagine preventiva sulla presenza della processionaria

Un’ordinanza del sindaco (12/2024) chiarisce che i privati sono tenuti a monitorare e rimuovere l’eventuale infestazione entro trenta giorni dall’emanazione dell’ordinanza stessa (22 febbraio).

Data la stagione, potrebbero crearsi condizioni favorevoli per la proliferazione e la diffusione di animali infestanti, nella fattispecie la processionaria del pino (Traumatocampa pityocampa) e la processionaria della quercia (Thaumetopoea processionea), che arrecano danni alle specie arboree e sono urticanti per persone e animali.

Gli alberi soggetti all’attacco degli infestanti sono tutte le specie di pino e di quercia e, in particolare, il pino silvestre (Pinus sylvestris), pino nero (Pinus nigra), pino strobo (Pinus strobus). La presenza di nidi impone un intervento di rimozione e distruzione (bruciatura) dei nidi stessi, a cui deve seguire profilassi. È vietato depositare rami con gli infestanti nelle varie frazioni di rifiuti conferiti nel circuito comunale.

L’ordinanza: https://albopretorio.comune.occhiobello.ro.it/AlboOnline/dettaglioAlbo/5855395

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti