Coizzi: “Serve un’area di sosta per i mezzi pesanti”

L’ipotesi è individuare un’area, nelle vicinanze del casello autostradale, da attrezzare e adibire alla sosta dei mezzi pesanti. Il sindaco Sondra Coizzi, gli assessori Silvia Fuso (Lavori pubblici) e Enrico Leccese (Ambiente), affiancati dal comandante della Polizia locale Girolamo Simonato, hanno incontrato in municipio rappresentanti del mondo dell’imprenditoria locale e Alessandro Peron, segretario di Fiap, federazione italiana autotrasportatori professionali. È stata presa in esame la possibilità di realizzare un’area di parcheggio attrezzata con erogazione carburante, struttura per il riposo, servizi igienici, ristorazione per i trasportatori in viaggio su A13, via Eridania e direttrici circostanti.

Dobbiamo risolvere la sosta selvaggia – è intervenuta il sindaco – lungo le strade della zona artigianale e di via Eridania di troppi camion che creano disagi a viabilità e decoro lasciando rifiuti abbandonati. L’area sarebbe utile anche allo sviluppo della zona logistica semplificata e del comparto industriale locale, nonché nuova occasione di occupazione per diverse tipologie di lavoro”.

Le modalità di realizzazione e gli interventi finanziari per creare l’area sono stati oggetto del confronto: “Si tratta di verificare la disponibilità di imprenditori locali nel partecipare al progetto – spiega il sindaco -, ma dobbiamo attendere di conoscere le indicazioni del Governo in materia di trasporti e transizione ecologica per verificare lo stanziamento di fondi ministeriali ed europei e concentrare le risorse per una eventuale partecipazione pubblico-privato, o altre possibilità di finanziamento”.

Il sindaco riferisce l’interesse delle aziende presenti: “Eurovo, Cafa, Eredi Fantoni, Romanin Petroli che – conclude il sindaco – sono aziende rappresentative di un comparto per il quale vi è una movimentazione di mezzi di trasporto, hanno dimostrato interesse per l’apertura di un dialogo che potrà, lo auspichiamo, risolvere un problema antico, difficile e molto sentito. In proposito sono state prospettate idee, individuate alcune aree papabili e chiariti obiettivi possibili su cui concentrare le proposte”.

UFFICIO STAMPA COMUNE DI OCCHIOBELLO





Commenti