Approvato un bilancio di tagli a tutti i capitoli di spesa

Nella seduta del civico consesso tenutasi mercoledì “abbiamo approvato un bilancio fatto di tagli a tutti i capitoli di spesa e inasprimento dell’IMU sulle seconde case e sui capannoni. La scelta è stata obbligata dalla necessità di fare fronte alla pesante eredità economica-finanziaria che l’attuale amministrazione si è trovata a gestire dal giorno dopo il suo insediamento. Un’eredità costituita da sentenze di tribunali che hanno prodotto ingiunzioni di pagamento a carico del Comune a favore delle imprese danneggiate a seguito dell'”operazione tangenziale” e alla ripresa del pagamento mutui contratti dalla fine degli anni ’80 fino ai primi anni 2000.
La cosa meno edificante che si è vista in Consiglio comunale è stata la personalizzazione del confronto (che di politico ha mostrato decisamente poco!) fatta di accuse incrociate tra chi “c’era o non c’era” nelle precedenti amministrazioni.
Nessun emendamento presentato dalla minoranza che definisse una proposta di abbattimento del debito, alternativa alle scelte compiute dalla maggioranza. Uno squallore che ha eclissato l’esigenza di una consapevolezza condivisa che, pur nella distinzione dei ruoli tra maggioranza e minoranza, potesse affrontare in maniera costruttiva una situazione che ricade pesantemente sulle generazioni future del nostro Paese e che, di sicuro, non potrà essere risolta da un revanscismo becero e spocchioso che produce slogan e battute, buone ad agitare la piazza, ma del tutto inutili per risolvere i problemi”

COMUNICATO STAMPA assessore all’ambiente ENRICO LECCESE

SINDACO: “ABBIAMO DECISO DI NON TAGLIARE I SERVIZI AI CITTADINI”





Commenti