scrivi-a-noi

Liberi di segnalare

Sin dal suo primo sbarco sul web (nell’agosto 2012) Risonanzemediatiche.it si è caratterizzato per essere un sito internet di “rottura” perché ha segnalato tutte le carenze, le mancanze del territorio di Quarto, gli errori che sono stati commessi per evitare che si ripetano e si arrivi così realmente ad un futuro migliore per tutti. Il bene del paese non deve essere solo uno slogan pronunciato, sventolato come bandiere, durante le campagne elettorali, ma un’azione costante, continua, quotidiana, efficace.

Problemi, difetti sono sempre stati riportati con cognizione di causa perché “sparare nel mucchio” non serve, fa perdere di credibilità al fu blog, oggi testata giornalistica, che tanta strada ha fatto in questi 51 mesi (oltre 4 anni).

Uno degli obiettivi di questo progetto editoriale era/è/sarà quello di interagire con i numerosi lettori. In quest’ottica sin dal 2013 fu varata la rubrica “Scrivi a noi quello che vuoi far sapere” che, in questi minuti, rilanciamo sulla scorta dell’attivismo di denuncia emerso sul social network facebook negli ultimi giorni, della maggiore attenzione che alcuni stanno avendo verso il luogo dove vivono.

Quest’iniziativa, senza alcuna finalità politica, vuole essere una sorte di “sportello del cittadino” telematico a cui tutti possono scrivere alla fanpage ufficiale oppure alla mail risonanzemediatiche@libero.it

Prima di essere pubblicati, i testi saranno valutati dalla redazione che vaglierà anche l’opportunità di “girare” il contenuto al sindaco, agli assessori competenti, ai capigruppo consiliari, alla Polizia Municipale tramite posta elettronica o lettera protocollata come già fatto, più volte, in passato perché “noi ci siamo e ci saremo”, sempre neutrali, liberi da condizionamenti politici, privi di tessere di partiti, movimenti, associazioni. Il nostro unico “gruppo” è la popolazione di Quarto.

 

Se leggi questo messaggio significa che hai letto l’articolo. Ora clicca sul google adsense inserito in questa pagina. Un gesto piccolo, veloce, gratuito per te, ma molto importante per noi.

 





Commenti